La friggitrice: impariamola a conoscere!

La friggitrice può rivelarsi uno strumento veramente comodo specialmente per chi è solito avere molti ospiti a cena e per gli amanti, in generale, delle pietanze fritte. Una volta assaporato il fritto ottimo della friggitoria o rosticceria accanto a casa propria, la voglia di possedere una friggitrice in casa, per poter replicare il trionfo per le papille gustative assaporato, è sempre una conseguenza ovvia: ma quale friggitrice scegliere? Per prima cosa è necessario valutare le proprie abitudini e comportarsi di conseguenza nella scelta dell’elettrodomestico. Una famiglia numerosa sicuramente dovrà acquistare una friggitrice molto capiente, a differenza di single o giovani coppie, che potranno trovarsi egregiamente con una friggitrice di piccole dimensioni.

Quando si parla di fritto la prima cosa che viene in mente è l’olio: quale utilizzare? Ne esistono sicuramente di migliori e peggiori, più stabili e meno stabili, ovvero più propensi a raggiungere il punto di fumo rispetto ad altri. Per punto di fumo si intende la pirolisi, il momento in cui l’olio si scalda troppo, producendo sostanze molto dannose e tossiche per il corpo umano. Che si decida di cuocere con strutto, con olio extravergine di oliva o con olio di semi, la temperatura ideale sarà una costante da conoscere e rispettare, controllando per mezzo del termostato presente in ogni friggitrice la situazione. L’olio per la friggitrice può essere utilizzato massimo due o tre volte, successivamente sarà necessario cambiarlo: a forza di utilizzarlo, infatti, il rischio che le sostanze tossiche del punto di fumo siano in circolo aumenta. Esistono però friggitrici senza olio, paradossali e allettanti allo stesso tempo, per gli amanti della linea oltre che del buon cibo: esistono sia modelli che richiedono un unico cucchiaino di olio per friggere o che non hanno bisogno neppure di quello, garantendo fritture gustose e salutari allo stesso tempo.

Le più apprezzate rimangono le friggitrici con cestello rotante, in grado di fornire fritture ottime e meno grasse: il vantaggio, infatti, è quello di avere un fritto più asciutto e di conseguenza più croccante. E lo svantaggio? Sicuramente cuocendo con meno olio, o addirittura senza, la frittura non sarà così godereccia e accattivante come quella offerta da una friggitrice classica!

Riposo Sano

La buona salute comincia dal sonno, che ci assicura energia e benessere. Ciò spiega la continua ricerca di tecniche nuove che garantiscano le migliori condizioni per dormire sano. Condizioni che sono legate soprattutto alla corretta posizione assunta dal corpo durante il sonno e quindi al letto in tutte le sue componenti: reti, materasso e cuscini.

COSA SCEGLIERE

La rete non si deve infossare: deve essere ben sostenuta, ma anche elastica.

Il materasso deve avere un’anima rigida accostata alla parte esterna più morbida.

Il cuscino sarà piuttosto alto se si dorme su un fianco, più basso se si sta supini.

Un buon guanciale deve permettere un appoggio corretto alla testa e al tratto cervicale della colonna vertebrale sia in posizione supina, sia in posizione laterale. Inoltre dovrà garantire un’adeguata traspirabilità, assolvere una funzione anallergica e antibatterica. Vi sono anche cuscini anatomici che, grazie alla loro conformazione, possono alleviare alcune patologie, come l’artrosi cervicale e la cifosi.

Per riposare bene la migliore posizione è quella supina. Poiché è difficile mantenere questa postura tutta la notte, piuttosto che dormire proni, è meglio su un fianco con le gambe leggermente piegate.

DORMIRE ALL’ORIENTALE

Gli studi sul benessere si rivolgono anche a culture lontane. Dormire sul futon giapponese è sinonimo di comfort, ma anche di igiene. Infatti, se in apparenza il vantaggio è quello di dormire su una superficie dura come consigliano gli ortopedici, il futon, grazie alle fibre vegetali di puro cotone disposto a strati, evita il prolificare degli acari, microrganismi che sì annidano nella polvere domestica. Nessun materasso comunque è al sicuro dagli acari, neppure quelli in lattice: per proteggersi, bisogna ricoprirli con le apposite fodere anallergiche. Per salvaguardare le coperte, si possono trattare con uno spray, che non funziona, comunque, per materassi e piumini perché non riesce a impregnarli completamente. Un’ulteriore strategia è quella di ridurre l’umidità, favorevole alla riproduzione degli acari, con l’uso di aspiratori e aerando spesso i locali.

È formato da doghe in legno massello, senza parti metalliche, che reggono il futon con una corretta flessibilità.

Il cuscino anatomico, suddiviso in quattro sezioni imbottite con diverse qualità di piuma, assicura una corretta posizione del collo.

Come stirare consumando meno elettricità

Sono poche le persone che amano stirare: si consuma non solo  energia fisica, ma anche elettrica, andando così a incrementare vertiginosamente la bolletta della luce.

È possibile consumare una quantità di energia inferiore, riscontrando comunque risultati più che ottimali? La risposta è sì. Con qualche piccolo trucco e qualche accorgimento in più, i consumi saranno ridotti e, di conseguenza, si ridurrà anche la bolletta della luce.

Per prima cosa, è consigliabile stendere i capi appena lavati a rovescio, per far sì che le mollette non lascino né segni né pieghe: prima di appendere i vestiti ad asciugare, però, è sempre meglio sbatterli, in special modo se parliamo di pantaloni.

È consigliabile lisciare i vestiti appena usciti dalla lavatrice, direttamente con le mani, in modo da eliminare le pieghe nella fase di asciugatura: meno difetti ci saranno, meno bisognerà stirare.

Per quanto riguarda il problema effettivo del consumo in eccesso di energia per stirare, esistono tariffe particolari come quelle biorarie, che consentono un risparmio sensibile per chi stira alla sera o durante i week end.

Quando si aspetta che il ferro sia sufficientemente caldo, è consigliabile comunque cominciare a passarlo con cura sui vestiti, in modo da non perdere neppure un momento: anche se a bassa temperatura, il ferro da stiro con caldaia è in grado, comunque, di effettuare un lavoro delicato e preliminare, prima di passare all’effettiva stiratura ad alte temperature.

Le cose più piccole, come i calzini e la biancheria intima, non richiedono particolari attenzioni in quanto a temperatura, a differenza di camicie e pantaloni: per questo motivo sarà possibile scegliere di stirarle per ultime, sfruttando il raffreddamento del ferro da stiro una volta staccata la spina.

Il problema del consumo elevato di elettricità da parte di un ferro da stiro, può essere inoltre raggirato ed evitato, scegliendo un modello in grado di scaldarsi velocemente: in questo modo le alte temperature saranno raggiunte più velocemente e, quindi, sarà possibile dimezzare i tempi necessari per le fasi preliminari alla stiratura.

In linea di massima, tuttavia, la maggior parte dei risparmi dipende necessariamente dal tipo di contratto che si ha per la luce: risparmiare per stirare è possibile!

Robot aspirapolvere Caltronic BSR 1283

Caltronic è un marchio di riferimento primario nel campo degli elettrodomestici, rivelandosi leader in special modo nell’ambito dei robot aspirapolvere: potenti, ben assemblati e resistenti, garantiscono prestazioni impeccabili per la pulizia e la cura della propria casa.
Il modello più richiesto e ricercato è sicuramente il robot aspirapolvere Caltronic BSR 1283, appartenente alla fascia media in base al rapporto qualità prezzo: rappresenta la scelta migliore per chi si avvicina per la prima volta al mondo dei robottino aspirapolvere, proponendosi, inoltre, con un design molto raffinato e curato per risultare elegante e moderno.

Prestazioni e funzionalità: un concentrato di sorprese!

Il robot aspirapolvere Caltronic BSR 1283 è un dispositivo che svolge il proprio lavoro nella maniera migliore possibile, considerato il prezzo più che abbordabile col quale viene proposto: per la pulizia di ogni superficie, dispone di tre differenti modalità di pulizia, avviabili per mezzo di tre tasti posizionati sulla superficie. La funzionalità Small è pensata per la pulizia di stanze piuttosto piccole, quella Media per stanze di media grandezza, quella Large per la pulizia dell’intera casa. La sua autonomia raggiunge i 70 minuti complessivi, sufficienti per curare uno spazio di circa 50 mq: il robot aspirapolvere Caltronic BSR 1283 è in grado di tornare in totale autonomia alla propria base per ricaricarsi una volta esaurita la batteria residua.

Conclusioni

Il robot aspirapolvere Caltronic BSR 1283 è un prodotto entry level, ideale per chi non ha pretese eccessive e per chi si approccia a questa categoria di elettrodomestici per la prima volta. È dotato della funzione Virtual Wall, per impedire al robot di spostarsi dalla stanza designata per la pulizia. Tuttavia i materiali non sono dei migliori e la durata di ricarica tocca le 7 ore per una autonomia di appena 70 minuti: non è, perciò, indicato per case ampie e spazi importanti.

Vantaggi

– Economico
– Virtual Wall
– Autoricarica

Svantaggi

– Materiali scadenti
– Scarsa autonomia
– Durata ricarica eccessiva

Idee regalo originali

Al giorno d’oggi, quando si cerca l’idea giusta per fare un regalo si considerano prevalentemente tre fattori: i bisogni o le esigenze di chi quel regalo lo riceverà, l’originalità di questo nostro pensiero e la sua originalità. È ovvio che nel momento nero di crisi economica attraverso cui stiamo passando, mette in risalto il terzo fattore rispetto agli altri. Tuttavia, non mancano, specie nella Rete, servizi di offerte che permettono di garantire la qualità e la bellezza di regali che combinano insieme anche la convenienza di prezzi davvero interessanti.
I cofanetti regalo

Un’azienda leader in questo tipo di mercato è Emozione3, parte del gruppo “Wish Days”, con un’esperienza pluriennale nella creazione e nella vendita di cofanetti che regalano “esperienze”. Se sei Titolare di una Carta American Express, ad esempio la nuova Carta Explora, avrai diritto alla spedizione gratuita dell’articolo e ad uno sconto. L’offerta è valida fino al 31 dicembre 2012. Per 5 idee regalo originali, ci si può affidare alle cinque aree tematiche su cui lavora Emozione3.
Le cinque aree regalo

Soggiorni: per questo settore, si propongono fine settimana fra borghi e città italiane d’arte per due persone (a partire da 59 euro), fino ad un soggiorno a pensione completa nelle più belle capitali europee (a partire da 249 euro). Soggiorni con cena: qui l’offerta diventa l’occasione per unire al pernottamento, un tour gastronomico sempre di alto livello garantito. Si parte dalla “charme e gourmet” (da 89 euro), fino al “weekend da sogno” (a partire da 399 euro) in una località estera a piacere.

Benessere e relax: per gli amanti delle spa e delle Beauty Farm, potete dedicare una giornata di pausa dalla vita quotidiana, grazie al cofanetto “Voglia di relax” (a partire da soli 24 euro), fino al pacchetto più completo “Week end di benessere” (da 149 euro) che comprende una notte per due persone in camera doppia, ed un percorso spa in un ambiente selezionato e garantito per la sua qualità.

Sport e multitema: per gli amanti delle emozioni forti, consigliamo i cofanetti “Sport e avventura” (47 euro) e “Azione Motori” (119 euro). Due percorsi all’insegna dello sport e del divertimento in piena sicurezza e con la supervisione di esperti professionisti.

Gusto: per gli amanti della buona tavola, i cofanetti da regalare non possono non essere che “Degustazioni e gourmet” (da 29 euro) e “Fuori cena” (a partire da 55 euro). Come si è visto, non mancano le soluzioni più originali e di stile, che ti potranno permette di fare felice colui che riceverà il tuo regalo, ma sempre con un occhio alla convenienza di prezzi davvero imbattibili.