09/02/2019

Caro diario,

“oggi tutti puntuali” per partire in direzione Andria, presso la RSA ELLEUNO dove ci aspettavano gli ospiti residenti; D.J..Gianburrasca, una volta pronto va a sistemare la musica per permetterci di entrare salutando ospiti e operatori.

Apre la serata clown Spillo annunciando tutti i clown facendo qualche piccola gag tra noi, per poi proseguire con balli e canti con gli ospiti, anche quelli in sedia a rotelle, così da vederli felici e sorridenti. Non è mancato il coinvolgimento dei parenti.

(…)

Verso fine serata, mi sono allontanato per andar a coinvolgere gli ospiti in sala mensa e al mio ritono ho trovato una bellissima sorpresa: Una signora, che ogni volta che ci vede non vede l’ora di iniziare a ballare con la sua sedia, era in piedi! si sulle sue gambe, sorretta da operatori e clown, ma era in piedi per la prima volta dopo tanto tempo e siamo stati tutti così allegri di questa riuscita che ce ne siam andati più felici di prima, con la speranza di poter tornare presto a trovare lei e tutti gli altri!

No, la clownterapia non è una medicina, ma sicuramente ogni tanto qualcosa di buono riusciamo a farla!

Nonno Michele